Punte per trapano sigle e caratteristiche:

Non basta un buon trapano per forare qualsiasi cosa….
Ogni materiale ha caratteristiche diverse e utilizzare la punta sbagliata significa rovinare l’attrezzo, costretto a lavorare sotto sforzo per tempi lunghi, la punta, che raggiunta una certa temperatura perde le sue caratteristiche di durezza, e, soprattutto, spesso non riuscire neanche a fare il foro.
Sia chiaro: non solo le punte per tagliare il legno non vanno bene per il cemento o il metallo (e sin qui parrebbe ovvio: il legno è molle, il cemento è duro ;) ), ma anche le punte da metallo si rovinano a tagliare il legno (si scaldano e perdono la tempra), mentre quelle adatte al cemento non hanno la punta affilata e sono sostanzialmente inutili nel taglio di qualunque materiale di tipo fibroso, metallico o plastico.

Punte per il legno
Deve essere disabilitata la funzione percussione, bassa velocità.

—————————————————————————————————

Immagine

CV – Punte in acciaio speciale con contenuto di cromo e vanadio superiore al 5%.
Adatte al taglio di legno anche duro e in particolare per materiale rivestito, dove occorre una maggiore pulizia del taglio.

Immagine

CV – Punte in acciaio speciale con contenuto di cromo e vanadio superiore al 5%.
Adatte al taglio di legno anche duro.

Immagine

Punte in normale acciaio al carbonio temperato, adatte a forare travi anche di grande spessore.

Immagine

Fresa “economica”, per fori di diametro superiore a 16 mm su legno tenero.

Punte per metalli
Deve essere disabilitata la funzione percussione, bassa velocità ed alta pressione, meglio se possibile utilizzare un trapano a colonna..

—————————————————————————————————————————————————————————————-



Immagine

HSS DIN 338 – Punte al cromo vanadio ad alta resistenza, adatte alle normali operazioni di taglio su acciai non particolari, alluminio, metalli non ferrosi e plastica.

Immagine

HSS DIN 338 – Punte al cromo vanadio, adatte alle normali operazioni di taglio su acciai non particolari, alluminio, metalli non ferrosi e plastica

Immagine

HSCo DIN 338 – Punta in acciaio con un contenuto di cobalto superiore al 5%. Adatta a grandi velocità di taglio.
Questo tipo di punte è adatto al taglio di acciaio anche temprato, acciaio laminato tipo la carrozzeria delle autovetture, leghe di alluminio, metalli non ferrosi, bronzo, plastica.

Immagine

TiN HSS DIN 338 – TiN significa nitrito di titanio, un composto di di titanio evaporato in atmosfera di azoto inerte. Questo trattamento forma una caratteristica ricopertura di colore dorato, molto più resistente del normale acciaio al carbonio temprato.
Queste punte sono adatte a velocità di taglio leggermente più alte del normale (10%), con una migliore penetrazione e quindi una minore sollecitazione dell’attrezzo.
HSS indica un acciaio con un contenuto di cromo – vanadio superiore al 5%.
Questo tipo di punte è adatto al taglio di acciaio anche temprato, leghe di alluminio, metalli non ferrosi, plastica.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi